Agati Mario, Il cadetto suicidato, Incontri Editrice

novembre 20, 2008

c480

Intrighi e passioni in una Modena fine anni Settanta, sospesa fra il reale e l’immaginario, fra cioè che è ancora e ciò che non è mai stato.

L’accademia militare è segnata da un delitto, le indagini si snodano frenetiche portando alla luce fermenti ideologici, bassezze, meschinità personali e ambientali; ma anche amore, pietà e coraggio.

Mario Agati avvince con una prosa ricca e fluida che interseca tempi diversi; i suoi personaggi dinamici si muovono con naturalezza in uno scenario che vibra dal giallo al noir.

Guglielmo Leoni